Le monete bizantine - Moruzzi Numismatica Roma

nel sito
Vai ai contenuti

Menu principale:

Le monete bizantine

NEGOZIO

Grazie alle monete bizantine (solidi, semissi, tremissi, tetarteron, histamenon nomisma, follis, decanummi, silique etc.) vengono rievocati i fasti di un antico impero, che aveva a capo la favolosa Bisanzio, la Nova Roma, rifondata da Costantino dopo un sogno profetico, che gli aveva indicato il luogo dove costruire la "sua" città.


Meno conosciute delle romane, le monete bizantine ci incantano per le loro rappresentazioni di Cristo, della Madonna, di Santi ed Arcangeli, che nella loro staticità ci fanno pensare agli affreschi dell'arte paleocristiana.


Collezionarle è anche rivivere questi primi momenti della spiritualità cristiana.


Regala una moneta bizantina da collezione, un regalo di grande significato storico e spesso religioso.



Troppo spesso, tendiamo a considerare l'Impero bizantino come un qualcosa che non ci appartiene e, di conseguenza, ci interessiamo poco della sua storia e siamo incapaci di "ascoltare" quello che hanno da raccontarci le sue monete. Probabilmente, è proprio il termine moderno "Impero bizantino" a creare questo distacco. Quello che noi oggi definiamo con questo termine, non è altro che l'Impero romano d'Oriente. Nel 395 d.C., l'Impero Romano venne suddiviso in 2 parti: l'Impero romano d'Occidente di tradizione latina e l'Impero Romano d'Oriente di tradizione greca. Il primo, terminò la sua esistenza nel 476 d.C., mentre il secondo proseguì per quasi un altro millennio, fino al 1453. Gli stessi abitanti di quello che per noi è l'Impero bizantino, si consideravano discendenti diretti dell'Impero romano di Augusto e si chiamavano Romei, romani di lingua greca, e non bizantini come li definiamo oggi.


La stessa capitale, Costantinopoli, era considerata la "Nuova Roma". Anche l'organizzazione statale e le cariche pubbliche erano romane. Quindi, l'elemento romano era sempre ben presente. Quello a cui abbiamo assistito, è stata l'evoluzione dello stato romano orientale verso una sempre più marcata preponderanza dell'elemento greco rispetto a quello latino. Le stesse monete bizantine, soprattutto nel primo periodo, rappresentano lo sviluppo di quelle romane. Tutti i collezionisti di monete del Tardo Impero romano hanno familiarità con nominali quali solido, semisse, tremisse, miliarense, siliqua, follis ed altri. Questi stessi nominali li ritroviamo anche nella monetazione bizantina. Abbandoniamo, quindi, la nostra freddezza verso tutto ciò che è bizantino e di cui, anzi, siamo spesso diffidenti. Parole come bizantinismo, che indica esagerazione o complicazioni burocratiche, non ci aiutano in questo, però scopriamo, anche attraverso le monete, tutto ciò che di affascinante ha da offrirci quel mondo, a partire dalla spiritualità cristiana.

LE MONETE BIZANTINE DA COLLEZIONE IN VETRINA (ANCHE RARE E DI GRANDE VALORE ECONOMICO E NUMISMATICO)
moneta bizantina, monete bizantine, solido bizantino, solidi bizantini, moneta, monete, moneta antica, monete antiche, numismatica

Ciascuna espressione di ogni individuo è differente e personale, secondo la logica del proprio pensiero. Una grande quantità di produzioni intellettuali, in modo particolare in internet, vengono messe gratuitamente a disposizione di tutti. Non va però dimenticato che ci sono gli obblighi morali e legali di rispettare la paternità delle creazioni e di non replicarle senza il consenso di chi le ha realizzate. Copyright Moruzzi Numismatica  © 1999-2020

 
© Copyright Moruzzi Numismatica 1999/2020 - Tutti i diritti Riservati P.IVA IT 01614081006
Torna ai contenuti | Torna al menu