Le monete e le banconote di Vittorio Emanuele II - Moruzzi Numismatica Roma

nel sito
Vai ai contenuti

Menu principale:

Le monete e le banconote di Vittorio Emanuele II

SAPERNE DI PIU' > Le collezioni italiane
Le storia del re d'Italia Vittorio Emanuele II
Le monete di Vittorio Emanuele II
La cartamoneta di Vittorio Emanuele II

Vittorio Emanuele II nasce a Firenze nel 1820, figlio primogenito di Carlo Alberto di Savoia Carignano e di Maria Teresa d'Asburgo Lorena.  Divenuto Re il Padre, nel 1831, assume, come Erede al Trono, il titolo di Duca di Savoia.  Nel 1848-49 partecipa attivamente alla sfortunata prima guerra d'Indipendenza contro l'Austria, a seguito della quale lo sconfitto Carlo Alberto abdica, partendo per l'esilio in Portogallo. Il nuovo Re, giovanissimo, pur nel momento politicamente assai difficile, rifiuta di revocare la Costituzione concessa dal Padre solo un anno prima, nonostante le pressioni degli austriaci vincitori. Con tale gesto si conquista le simpatie di tutti coloro che, in ogni parte d'Italia, già allora vagheggiavano l'indipendenza della Penisola entrando, a pieno titolo, con Cavour, Garibaldi e Mazzini, nel novero di coloro che debbono essere considerati, ad ogni effetto, ieri come oggi, i "Padri della Patria" Italiana. Nel 1852, affidando il governo al Cavour, compì un'altra delle scelte felici del suo regno, iniziando una collaborazione che, tra alti e bassi, si sarebbe conclusa solo con la morte dello statista piemontese nel 1861. Nel 1859 sostenne, indirettamente, la spedizione dei Mille di Garibaldi e seppe riportare nell'ambito del costituzionalismo monarchico anche molti mazziniani. Il 17 marzo 1861 il Parlamento, proclamando la nascita del regno d'Italia, lo designò primo Re del nuovo Stato Unitario. Nel 1865 dovette subire, per motivi politici, il trasferimento della capitale dalla sua amata Torino a Firenze, dove però rimase solo per pochi anni riuscendo, nel 1870, a rendere Roma la capitale definitiva del nuovo Stato, avendo il coraggio, a seguito di ciò, di affrontare gli strali del governo pontificio che lo scomunicò. Fu un uomo dal complesso carattere che ebbe, però, l'intelligenza di guidare con capacità il passaggio dal regime autocratico a quello costituzionale. Nel 1878 affidò il governo al Depretis, affidando con ciò il potere alla sinistra. Trasferitosi a Roma ufficialmente solo nel luglio del 1871, alloggiò al Quirinale dove, da uomo dai gusti assolutamente semplici quale era, volle vivere in una stanza al piano terra priva, per sua scelta, di ogni comodità. Qui morì il 9 gennaio 1878, ancora giovane, a seguito di una broncopolmonite, assistito dal figlio ed erede Umberto, Principe di Piemonte, e dalla seconda moglie morganatica. Per volontà popolare venne inumato nel Pantheon di Roma che, da allora, divenne il sacello ufficiale dei Re dell'Italia unita.


Franco Ceccarelli

Visita la sezione del nostro sito web dedicata alle monete di Vittorio Emanuele II.

LE BANCONOTE DI VITTORIO EMANUELE II IN VETRINA (ANCHE RARE E DI GRANDE VALORE ECONOMICO E NUMISMATICO)

Regno d'Italia,BANCO DI SICILIA,LIRE 100,Fede di Credito,02.01.1875,Rif. bibl. Crapanzano, 38; (CM118372),Firme: Gaspare Bazzan Milagro Rammacca,n° di serie: 08230, qBB, (RRRR)
Ex Sintoni 1285/9
€ 990,00


Per altra cartamoneta vieni a visitare la sezione del nostro e-commerce dedicata alle banconote di Vittorio Emanuele II.

Ciascuna espressione di ogni individuo è differente e personale, secondo la logica del proprio pensiero. Una grande quantità di produzioni intellettuali, in modo particolare in internet, vengono messe gratuitamente a disposizione di tutti. Non va però dimenticato che ci sono gli obblighi morali e legali di rispettare la paternità delle creazioni e di non replicarle senza il consenso di chi le ha realizzate. Copyright Moruzzi Numismatica  © 1999-2017

 
© Copyright Moruzzi Numismatica 1999/2016 - Tutti i diritti Riservati P.IVA IT 01614081006
Torna ai contenuti | Torna al menu